Skip to content

ANTIOCHMISSIONASIA.INFO

Condividi i file con i tuoi amici. Blog italiano per studenti in cerca di archivi.

CONDENSATORE CIRCUITO RC SCARICARE


    Contents
  1. Processo di carica e scarica di un condensatore
  2. Esercizio scarica condensatore
  3. Carica-scarica di un condensatore
  4. Carica e scarica di un condensatore

In elettrotecnica, la scarica di un condensatore in un circuito elettrico è il processo mediante il quale le cariche accumulate sulle armature di un condensatore si. Circuiti RC. Carica e scarica del condensatore (solo le formule). Consideriamo un condensatore di capacit`a C collegato in serie ad una resistenza di valore R. I . Supponiamo che il circuito sia aperto ed il condensatore scarico; quando x(t) = x(0).e -t/RC da cui fC - Q(t) = fC.e -t/RC, da questa espressione ricavo. resistenza elettrica del circuito con il quale il condensatore si carica e C la Scarica: RC t o. eVtV. -. =). E ora mettiamoci all'opera. L'obiettivo del nostro lavoro. q(t) = Q(1-e^(-frac(t)(RC))). dove Q indica la carica massima raggiunta, R la resistenza elettrica del circuito, e C la capacità del condensatore.

Nome: condensatore circuito rc re
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file:34.52 MB

CONDENSATORE CIRCUITO RC SCARICARE

In figura 1 è rappresentato un circuito costituito da un generatore f, un condensatore C, una resistenza R ed un interrutore T. Supponiamo che il circuito sia aperto ed il condensatore carico; quando chiudiamo il circuito agendo sull'interrutore inizia a circolare la corrente ed il condensatore inizia a scaricarsi. L'energia iniziale del condensatore è uguale all'energia dissipata alla fine del processo; cioè tutta l'energia del condensatore viene dissipata per effetto joule.

Puoi con JimdoPro e JimdoBusiness! Luciano e le sue radio. Carica e scarica di un condensatore. Il foglio excel contiene i grafici dell'andamento delle tensione e della corrente nelle fasi di carica e scarica in funzione della forza elettromotrice del generatore, del valora della capacità del condensatore e della resistenza R.

Ho fatto il foglio a scopo didattico ed anche per rinfrescarmi un po' la memoria sulle nozioni imparate a scuola molti lustri or sono che non fa mai male Se qualcuno volesse darci una occhiata ed eventualmente espormi le sue critiche gliene sarei grato. Un dubbio per esempio che mi è venuto riguarda il calcolo dell'energia dissipata Joule nel foglio "Scarica", non riuscivo a far coincidere il calcolo teorico con quello numerico dato dalla somma dei risultati in tabella.

Questa è energia ,.

Per me non c' è dubbio che si trattava di un errore di MAI avuto l'intenzione di offenderTi! Scusa Gabri-zeta ma tu leggi e capisci quello che leggi? Se aumenta l'energia immagazzinata dal condensatore, di conseguenza il resistore di scarica dovrà dissipare una maggior potenza.

E' la formula della potenza dissipata istantaneamente in un differenziale di tempo. Integrando la dissipazione istantanea, nell'intervallo di tempo considerato per la scarica, si avrà la potenza totale dissipata.

Processo di carica e scarica di un condensatore

Essendo il valore iniziale eguale, raddoppiando, per esempio, la capacità raddoppierà il tempo necessario per raggiungere l'identico valore di corrente. Pertanto il resisitore avrà dissipatouna potenza proporzionalmente maggiore, perchè maggiore è il valore integrato.

Una resistenza ha un solo modo per dissipare la potenza: trasformarla in calore! La potenza dissipata dal resistore si trasforma in calore, visto che in natura nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma. Per questo motivo aumentando la capacità, lasciando le altre condizioni immutate, bisognarà aumentare la capacità di dissipazione del resistore di scarica.

Se la cosa ti è ancora ostica tracciati in scala le due curve delle 2 correnti di scarica per i 2 valori di capacità. Poi ti calcoli le aree relative e vedi praticamente la differenza di dissipazione. Se leggi un manuale di un inverter serio, al capitolo dove si consiglia come dimensionare il resistore di frenatura, ti fanno eseguire un processo simile. Guarda caso si tratta di dimensionare la resistenza di scarica di un condensatore.

La differenza sta nel fatto che la capacità è costante mentre varia la tensione di carica. Leggendo la Tua risposta , pare di no. Visto che nella mia mente cosi me l'hanno venduta mille anni fa ed è confermata anche dalle formule da Te esposte , la capacità del condensatore non interviene nell'espressione della potenza , continuo a credere che ci sia un problema mio di lessico.

Tutto O.

Il condensatore interviene, eccome se interviene. Se varia la sola capacità varia la costante di tempo, è pacifico.

Esercizio scarica condensatore

Quindi varia la potenza che la resistenza dovrà dissipare. Forse più che di lessico è un problema di fisica.

Non è certo il caso della parola lessico , che proviene , senza guardare i dizionari , dalla '' lexi '' che vorrebbe dire parola Non serve affermare cose INcontestabili per sviarmi , questa è energia , il discorso è partito da una resistenza di valore e potenza date ed una tensione considerata la massima , la peggiore per la vita del resistore e si trattava della potenza massima , vuol dire , secondo me , una ''istantanea '' , se è diverso vorrei capirlo.

Spero che l' effetto della discussione sia benefico , altrimenti ditelo e lasciamo come prima! Caricando i due conduttori con carica opposta, si forma tra di essi un campo elettrico, e si produce quindi una differenza di potenziale. La differenza di potenziale tra i due conduttori è proporzionale alla carica depositata su di esse: Il coefficiente C è detto capacità del condensatore. Si misura in Farad simbolo F.

Carica-scarica di un condensatore

Unità pratiche sono il picofarad pF , il nanofarad nF e il microfarad mF. La capacità dipende dalla geometria delle armature e dal materiale con cui è riempito lo spazio che le separa. Valori comuni della costante dielettrica relativa sono compresi tra 2 e 10 carta, olio, gomma, mica, vetro porcellana Il minimo campo in grado di produrre una scintilla è detto rigidità dielettrica e vale tipicamente qualche decina di kV per mm.

Potrebbe piacerti:W10 SU CHIAVETTA SCARICA

La caduta di potenziale tra i punti A e B è data da: La relazione tra carica e corrente è: La caratteristica tensione-corrente è quindi:. Quindi la carica del condensatore equivalente è uguale alla somma delle cariche: Due condensatori posti in parallelo equivalgono quindi ad un condensatore di capacità pari alla somma delle singole capacita.

Il tempo RC è detto tempo caratteristico del circuito. Il tempo di dimezzamento è definito come il tempo in cui la carica o la corrente raggiunge metà del valore iniziale. Dal momento che il condensatore si è caricato la corrente cessa di fluire attraverso R.

Se con il condensatore carico il deviatore viene posizionato su 2 il condensatore si scarica attraverso R: fluisce corrente nel verso opposto al caso precedente, finché il condensatore si scarica completamente. La legge di Ohm per il circuito legge della maglia nel caso della carica è: NB: La tensione applicata al circuito per mezzo della pila è costante. Tale corrente va dunque a caricare il condensatore, la cui tensione di conseguenza aumenta. Finché, quando C è completamente carico, la tensione V C raggiunge la tensione di batteria E, la tensione V R arriva a zero e la corrente si annulla.

Quando il condensatore è completamente carico il circuito raggiunge una condizione di equilibrio. L'andamento della corrente I e della tensione V C nel circuito è mostrato nella figura seguente:. La valvola rappresenta il resistore. All'aumentare del livello del liquido nel serbatoio tensione sul condensatore V C , la valvola riduce progressivamente l'afflusso di liquido corrente I , finché il serbatoio non è completamente pieno:.

Carica e scarica di un condensatore

La costante di tempo del circuito si calcola facendo il prodotto della resistenza per la capacità:. Non è difficile dimostrare che il prodotto di Ohm per Farad fornisce come unità di misura secondi, cioè un tempo. Infatti, usando le unità di misura delle grandezze fisiche in gioco, abbiamo:.